Qual è il prezzo di una fotocamera panoramica?

Con fotografia panoramica intendiamo quella fotografia che è caratterizzata da un rapporto non normale tra altezza e larghezza, perché di solito una fotografia panoramica è molto larga e poco alta, negli ultimi anni questa definizione è stata usata per troppe fotocamere, di solito le reflex e compatte, 35 mm ed APS, che offrono una funzione “PANORAMA”.

A che serve la funzione panorama nelle fotocamere? Perché risulta inutile?

La fotografia panoramica si caratterizza per il suo essere stretta e lunga, ma non è solo il rapporto tra i lati che trasforma una semplice fotografia in una panoramica. Infatti, la lunghezza di una vera fotocamera panoramica deriva dal fatto che, in merito a una foto normale, vi è qualcosa in più ai lati. Quindi non c’è qualcosa di meno dovuto all’eliminazione della parte alta e bassa della stessa fotografia.
Ecco quale è il trucco delle moderne reflex e compatte, ci sono due tendine che coprono parte del fotogramma in fase di ripresa e così permettono un “effetto panorama”. Quindi, se rimaniamo nello stesso punto, ma utilizzando esclusivamente una vera fotocamera panoramica, a parità del campo che viene inquadrato in larghezza, risulterà un’altezza che sarà decisamente minore e attribuirà alla foto l’effetto panorama. In tale caso l’immagine è anche composta in modo migliore, visto che vengono tagliate alcune parti in eccesso e lo sguardo sarà attirato maggiormente dal vero soggetto delle foto.

Opzione panorama nelle reflex

Nella foto che viene scattata con una reflex dotata di “opzione Panorama” si noterà subito che l’inquadratura scattata con il 28 mm è, ovviamente, più ristretta di quella realizzata col 18 mm. Però, con l’opzione panorama non si prenderà nulla di più. L’opzione panorama anziché aggiungere l’inquadratura e i contenuti a destra e sinistra della foto scattata col 28mm si limita a toglierne un po’. Tornando alle reali fotocamere panoramiche, possiamo dividerle in due categorie:

  • fotocamere supergrandangolari,
  • fotocamere con obiettivo rotante.

La differenza è relativamente sostanziale, a parità di angolo di campo il soggetto viene poi riprodotto in due modi completamente diversi. Con la fotocamera supergrandangolare l’inquadratura sarà di tipo tradizionale. Invece con la fotocamera che presenta l’obiettivo rotante è come se l’osservatore girasse la testa da sinistra a destra. Questo farà in modo che le linee rette orizzontali diventino delle curve e che nello stesso fotogramma si possano vedere delle parti che nella realtà non potremmo mai vedere. Ciò fara sì che ci sarà una deformazione del soggetto e l’impossibilità di decifrarlo.

Fotocamere panoramiche supergrandangolari

Fino a un paio di anni fa la scelta era molto limitata e si poteva riferire solo a dei modelli che derivavano dal Grande Formato, quindi riferita a una attrezzatura molto costosa e per professionisti. Oggi le cose sono migliorate e in commercio ci sono molti più modelli, che adesso andremo a scoprire in base al marchio.

KODAK

La Kodak ha fatto una fotocamera usa e getta che rispetto a tutte le altre tipologie, inerenti alla stessa categoria, presenta un obiettivo da 25 mm anziché i soliti 35 mm.

HASSELBLAD

Questa è una che utilizza pellicole 35 mm. Fornisce fotografie formato 24×65 mm e può cambiare gli obiettivi che sono prodotti dalla Fuji. Decisamente più compatta, leggera e maneggevole, ma anche più cara.

FUJI

Ha realizzato delle fotocamere con degli obiettivi intercambiabili che fornisce immagini di formato 6×17 cm su rollfilm 120 o 220.

LINHOF TECHNORAMA

Anche questa è simile alla variante che ha ideato la Fuji, sono 6×17 cm e hanno un prezzo simile alle Fuji.

Curiosità sui modelli di panoramiche

Esistono molti allestimenti particolari sul Grande Formato, ma va ricordato che alcune reflex hanno la possibilità di poter far montare dei magazzini 35mm che permettono delle foto panoramiche anche se così non è. Sembreranno molto simili a quelle panoramiche, ma saranno finte.

Fotocamere panoramiche con obiettivo rotante

Anche per questa variante di fotocamera, nel corso degli anni non ci sono state novità ma, del resto, tutto ciò è giustificabile, poiché si tratta di prodotti particolari destinati ad usi altrettanto particolari. Per cui non esiste un vero e proprio mercato tale da giustificare investimenti. Quindi, in merito al formato 35 mm resta un classico l’economica Horizont. Poiché essa presenta i suoi bravi 120° di angolo di campo ed il prezzo risulta alto ma comunque fattibile rispetto a tutte le altre marche.

NOBLEX

Questo marchio fornisce delle fotocamere con 135 – 136° di copertura con pellicola 35 mm per 2-3 milioni a seconda del modello, inoltre ci sono alcune varianti che sfruttano il rollfilm 120 e copre 146°. Il prezzo varia molto, si trovano comunque a dei costi accessibili.

ROUNDSHOT

Questo marchio presenta dei modelli che sono esclusivamente per esigenze decisamente professionali, il costo è molto alto. Hanno tante funzioni e tanti formati per 360° di angolo di campo, si potranno impostare valori minori ad intervalli di 90°.

WIDELUX

Dovrebbero essere oramai fuori produzione. Ma erano dei modelli molto più professionali e costosi rispetto alla Horizont. Coprivano 140° su un formato 24×59.

Appassionata della lettura e dell’arte. Amante della scrittura. Scrivo dai periodi delle medie, ma dopo il liceo ho iniziato a perfezionarmi. Ho collaborato con qualche casa editrice, due pubblicazioni certificate e molte altre in self.  Da sempre ho creduto nella passione per la scrittura degli articoli. Sono felice di poter scrivere articoli su più temi.

Back to top
menu
sceltafotocamereanalogiche.it